giovedì 14 agosto 2014

Un milione e 300mila euro per 30 mq: è a Londra il monolocale più caro



Se pensate che i prezzi delle case a Milano e Roma abbiano raggiunto livelli astronomici, sappiate che noi italiani siamo ancora fortunati. Sta facendo scalpore, infatti, la notizia di un monolocale al centro di Londra messo in vendita per la cifra monstre di un milione di sterline (circa un milione e 300mila euro).
A pubblicare l'annuncio è stata l'agenzia immobiliare inglese Foxton Real Estates. L'appartamento in questione misura appena 30 metri quadrati e non è un monolocale ultralusso con piscina sul tetto di qualche star capricciosa, ma una normalissima mini-casa.
A giustificare la cifra stratosferica di  43mila euro al metro quadrato è la posizione. Il monolocale si trova infatti nell'esclusivo quartiere di Mayfair, a Upper Brook Street, a pochi minuti a piedi da Bond Street e adiacente ad Hyde Park.

FONTE: affaritaliani.it

giovedì 7 agosto 2014

Aste immobiliari, dalle banche mutui ad hoc per liberarsi del “mattone” pignorato

L'Associazione bancaria italiana fa moral suasion sui tribunali perché semplifichino l'iter di vendita. Obiettivo: guadagnare sul nuovo credito concesso all'acquirente e contenere il ribasso del valore delle case. Ma, come per tutti gli altri finanziamenti, i cordoni della borsa sono più stretti che in passato. E chi partecipa a un'asta deve essere in grado di mettere sul piatto una bella fetta di soldi "cash".


Aste immobiliari, dalle banche mutui ad hoc per liberarsi del “mattone” pignorato

Dopo il prestito vitalizio studiato per gli over 65, arrivano anche i mutui ad hoc per le aste immobiliari. Obiettivo comune: far fruttare il mattone. E, nel caso delle aste, liberarsi di immobili pignorati e guadagnare sul nuovo credito concesso all’acquirente. Inutile dire che, con il mercato del real estate in calo e il rischio di un aumento dei pignoramenti legato alla crisi, la partita in questione è di assoluto rilievo per gli istituti di credito che puntano sul tradizionale attaccamento degli italiani alla casa. Al punto da scomodare direttamente l’Associazione bancaria italiana in una sorta di moral suasion presso i Tribunali di tutto il Paese perché si attivino per accelerare e semplificare, come richiesto dalla riforma sui tempi delle procedure esecutive, l’iter delle aste immobiliari. Non solo. L’associazione guidata da Antonio Patuelli ha anche già promosso convenzioni con un centinaio di Tribunali per facilitare l’accesso al credito nell’ipotesi di partecipazione ad un’asta immobiliare. “I cittadini interessati all’acquisto di un immobile alle aste giudiziarie possono, prima dello svolgimento dell’asta, contattare le banche operanti sul territorio locale e nazionale, per verificare l’offerta del servizio (…) – spiega una nota di Palazzo Altieri – In questo contesto l’Abi (…) ha individuato con diversi Tribunali italiani procedure che prevedono (…) un procedimento utile alla partecipazione alle aste giudiziarie facendo ricorso agli usuali strumenti difinanziamento bancario, mediante l’erogazione di mutui garantiti da ipoteche iscritte sullo stesso immobile oggetto di aggiudicazione”.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...